I vincitori del 6° concorso di illustrazione Notte di Fiaba

La Giuria della 6° edizione del concorso di illustrazione Notte di Fiaba si è riunita il 27 aprile 2019. A seguito di un attento esame di tutte le opere in gara Francesca TanciniFausta Orecchio, Simone Tonucci, Mauro EvangelistaDavide Calì – Art DirectorFranco Pivetti e Chiara Tomasi (Chasing Chagall) hanno decretato i vincitori ed assegnato le menzioni speciali.

I premi verranno consegnati il 3 agosto 2019 alle ore 17:30 presso il MAG Museo Alto Garda di Riva del Garda in occasione dell’inaugurazione della mostra e della presentazione del catalogo e dell’albo illustrato.

1° PREMIO
Marta Pantaleo

Ritmo serrato, abile uso del colore e delle texture e grande capacità narrativa. 
Le immagini dinamiche ed estremamente equilibrate nell’utilizzo di pieni e vuoti offrono un’interpretazione contemporanea e allo stesso tempo fedele del mondo salgariano.

2° PREMIO
Veronica Rapari

Abile competenza tecnica e cura lenticolare del dettaglio. La palette cromatica calda ricorda i toni seppiati della fotografia di una volta e interpreta il testo in chiave nostalgica. Il tono poetico è amplificato dall’uso di composizioni prospettiche ardite e di un punto di vista rialzato. 

3° PREMIO
Nicoletta Traversa

Originale sperimentazione che crea una buona sintesi tra tecniche differenti unificate da un tratto molto personale. Ottima la palette cromatica che denota grande coraggio nell’uso di un colore grafico come il nero. In queste immagini convivono sia il mondo reale di Salgari che quello dei suoi personaggi.

MENZIONI SPECIALI

FILIPPO CONSOLATI
Ottima padronanza del colore e della composizione delle scene. Grande cura dei dettagli che a loro volta raccontano altre storie creando una metanarrazione per immagini. L’ambientazione giocosa delle illustrazioni le rende particolarmente adatte ai più piccoli. 
FRANCESCO DEL RE
Interessante compresenza di bidimensionalità e trattamento materico. Il segno robusto e le scelte cromatiche originali hanno una connotazione vintage che ricorda le illustrazioni degli anni settanta e si adattano perfettamente al registro del testo.
ERICA VALENTINA MORELLO
Grande senso del ritmo e ottima padronanza dello spazio. La poetica del colore non è solo estetica ma anche funzionale alla narrazione. Particolarmente efficace è la resa grafica, allo stesso tempo realistica e fiabesca, dell’architettura torinese.  
MARIANNA PERDINCI
Il segno è forte e originale e ha un gusto retrò particolarmente adatto al tono del racconto.
Sa disegnare e usa il digitale in modo del tutto personale. Lo storyboard ha ritmo e movimento e propone alcune idee davvero ironiche. 
FRANCESCA PUSCEDDU
Soluzioni cromatiche fresche e originali supportano la narrazione per immagini. Dallo storyboard emergono inquadrature dal taglio cinematografico e una buona padronanza di movimento e ritmo. 
ALICE RUZZETTU 
Considerevole forza espressiva e narrativa, ritmo e spessore. Dal punto di vista stilistico, è interessante soprattutto il trattamento ritmico di tegole, piume e altri dettagli decorativi. Dato che il segno grafico è del tutto adatto anche per un pubblico adulto, questo lavoro potrebbe certamente diventare una graphic novel.
PIERO SANDANO
Punti di vista e scelte prospettiche mai banali compongono immagini ricche di dettagli interessanti dalla grande forza narrativa. Notevole la competenza tecnica soprattutto nell’uso della matita.